Sono 27 i Consultori Italiani che a Bologna il 24 marzo 1968 fondano l’U.C.I.P.E.M. Già dall’inizio vi fu una precisa volontà di essere un servizio di significato e di interesse pubblico, anche se svolto da istituzioni private, e vi furono scelte qualificanti che situarono la vita dei consultori dell’U.C.I.P.E.M. in un determinato contesto sociale ed ecclesiale.
In particolare:

  • il riferimento al valore del matrimonio e della famiglia da esprimersi in un servizio alle persone e alle coppie, nel contesto della realtà sociale italiana.
  • una consulenza rivolta alla persona, con i suoi vari problemi, senza alcuna differenziazione sociale o religiosa
  • la ricerca costante di una professionalità specifica del consultorio
  • una comunanza ideale e operativa in consultorio
  • un’azione non solo d’aiuto, ma anche di promozione e di prevenzione.